Pink Floyd The Wall (film di Alan Parker del 1982)

PINK FLOYD THE WALL è un film visual-musicale diretto da Alan Parker, autentica autorità del genere grazie a successi come il precedente PICCOLI GANGSTERS ed il successivo EVITA. Si tratta della trasposizione cinematografica dell’omonimo concept album dei Pink Floyd, già campionissimo di vendite e reduce da un monumentale tour mondiale, che nelle idee dell’allora leader indiscusso Roger Waters doveva rappresentare il degno completamento dell’intera opera partita sul versante musicale ed approdata sul grande schermo. Non si è trattato di un film dalla gestazione semplice perché Waters, che inizialmente doveva essere coinvolto alla regia, insoddisfatto decise di lasciare tutto in mano a Parker, il quale puntò sull’allora emergente musicista Bob Geldof in veste di protagonista e si fece assistere dalle animazioni di Gerald Scarfe, riprese fedelmente dal tour appena concluso.

Il film segue più o meno fedelmente l’ordine della scaletta dell’album con pochissime alterazioni e presenta in forma visuale la parabola del già noto protagonista Pink a cominciare dalla difficile infanzia segnata dalla prematura perdita del padre in guerra e dalla convivenza con una madre iperprotettiva, per proseguire come rockstar insoddisfatta e preda di allucinazioni e scatti d’ira che finiranno per mandare in rovina anche il suo matrimonio. Il viaggio mentale del protagonista lo porterà ad immaginarsi come un novello gerarca nazista ed in seguito vittima di un processo da parte di un giudice con le sembianze di un verme che lo ritiene colpevole per il solo fatto di provare emozioni. Il tema dominante è sempre quello del muro che diventa simbolo dell’incomunicabilità e della barriera che il protagonista mette tra sé ed il mondo reale.

All’interno del montaggio dovevano inizialmente comparire anche delle riprese dei Pink Floyd in tour, ma l’idea venne accantonata nel momento in cui Alan Parker prese il comando del progetto artistico. Detto del fatto che quasi tutta la tracklist dell’album è stata inserita come colonna sonora, riguardo ad alcuni brani sono state utilizzate parti musicali secondarie ed anche qualche testo alternativo: in ordine sparso ciò ha riguardato canzoni come Mother, Young Lust, Another Brick in the wall I-II-III, Empty Spaces e Bring the boys back home. Per quanto riguarda le due suite In the flesh e In the flesh? la voce di Waters è sostituita da quella del protagonista Bob Geldof, mentre viene svelata per la prima volta la canzone When the tigers broke free, che non trovò posto nell’album e venne inclusa nella versione estesa del successivo THE FINAL CUT pubblicata nel 2004. Il film venne proiettato fuori concorso al Festival di Cannes di quell’anno ricevendo un’accoglienza calorosa, ed oggi rappresenta un autentico cult non solo dei fans dei Floyd, grazie soprattutto a diverse scene che nel tempo sono diventate iconiche, come ad esempio la parata dei martelli antropomorfi, geniale intuizione di Scarfe ed immagine con la quale ancora oggi viene identificata tutta l’opera. Bob Geldof si destreggia molto bene in una vicenda incentrata quasi interamente su di sé e resterà famoso suo malgrado più per questa interpretazione che per la sua obiettivamente modesta carriera musicale. In un ruolo secondario, quello dell’agente di Pink, appare anche un giovanissimo Bob Hoskins. Per quanto riguarda l’Italia non si è proceduto ad alcun doppiaggio data l’esigua presenza di dialoghi, pertanto è stato distribuito solo in versione sottotitolata.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.cinemaemusica.com.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings