Permanent Vacation (album degli Aerosmith del 1987)

Se si dovesse cercare l’esempio più calzante per mitizzare la morte e resurrezione di una band basterebbero un nome (Aerosmith) ed un disco (PERMANENT VACATION).

L’anno è il 1987: gli Aerosmith da poco meno di due anni sono ritornati nella formazione storica dopo l’abbandono ed il reintegro dei due chitarristi Joe Perry e Brad Whitford. Però la band si trova in un momento difficilissimo in quanto i fasti di album leggendari come TOYS IN THE ATTIC, ROCKS e DRAW THE LINE, che li avevano elevati al successo planetario, erano ormai lontani oltre dieci anni. Perfino la storica etichetta Columbia aveva deciso di mollarli e si era fatta avanti l’emergente Geffen Records, alla quale però la band consegnò nel 1985 un disco assolutamente deludente in fatto di vendite: DONE WITH MIRRORS. Insomma, ce n’era abbastanza per chiudere definitivamente bottega, ma gli Aerosmith sono primariamente un gruppo di straordinari musicisti e decidono, per la prima volta, di fare intervenire nella composizione delle canzoni dei songwriters dall’esterno per poter avere una possibilità in più di rilanciarsi. I profili furono individuati in due scavati artisti della canzone come Jim Vallance e Desmond Child. È l’inizio della rinascita.

PERMANENT VACATION è un disco che cattura l’ascoltatore fin dal primo ascolto. Steven Tyler ritrova virtuosismi vocali che aveva perso chissà dove e in generale la band suona divinamente. Non c’è bisogno di testi particolarmente elaborati: basta un po’ di sfrontatezza e tanta vena hard rock da mettere sul piatto. I due brani apripista, Heart’s Done Time e Magic Touch mettono l’accento sulle solite mire femminili dello storico frontman, ma al terzo brano arriva la prima magia: Rag Doll è un potentissimo groove di fiati, parole a manetta e una ispiratissima steel guitar di Perry. In Italia, almeno, un famoso spot pubblicitario la farà diventare conosciuta perfino da chi non ha mai saputo chi fosse il celebre quintetto di Boston. Non c’è un attimo di respiro e si ricomincia con l’epica Simoriah e con un altro pezzo destinato al mito: (Dude) Looks like a lady è il primo singolo estratto ed è un brano trascinato ancora da una pimpante sezione di fiati che racconta un pericoloso abbordaggio di una donna che in realtà forse è un uomo.

Il disco si prende una piccola pausa a metà con due brani più rilassanti. St. John è un minimale gospel con Tyler che canta in maniera quasi sussurrata, mentre in Hangman Jury lo stesso frontman si spella le labbra con dei mirabolanti assoli di armonica in un brano dai forti echi country blues.

Da qui in poi si ritorna a salire di tono: Girl Keeps Coming Apart è un altro rockeggiante inno alle sfrenate fantasie edonistiche di Tyler, ma è con Angel che i cinque fanno saltare il banco: una ballatona strappalacrime con un testo assolutamente banale ma confezionato con una perizia da consumati hit makers. Non a caso sarà questo il primo singolo di successo a fare da traino all’intera opera. La title-track è un altro pezzo che trasuda freschezza nonché voglia di andare in vacanza verso paradisi di sole e mare, e da qui si arriva al finale affidato prima ad una cover di I’m Down dei Beatles (secondo omaggio ai Fab-Four dopo Come Together nel 1978) e allo strumentale The Movie.

PERMANENT VACATION inaugura un decennio d’oro per gli Aerosmith, che da lì in poi non sbaglieranno più un colpo e manderanno ogni album direttamente in cima alle classifiche. La giovane rock blues band che negli anni ’70 era considerata una sorta di copia riveduta e corretta dei Rolling Stones adesso lascia il posto ad una formazione che riesce, anche con qualche inevitabile concessione al pop, a confezionare brani di successo col manierismo tipico di chi sa scrivere brani. Sarà la seconda fase della carriera della band piena di vendite a sei zeri e meritati consensi di massa.

We use cookies to personalise content and ads, to provide social media features and to analyse our traffic. We also share information about your use of our site with our social media, advertising and analytics partners. View more
Cookies settings
Accept
Privacy & Cookie policy
Privacy & Cookies policy
Cookie name Active

Who we are

Suggested text: Our website address is: https://www.cinemaemusica.com.

Comments

Suggested text: When visitors leave comments on the site we collect the data shown in the comments form, and also the visitor’s IP address and browser user agent string to help spam detection.

An anonymized string created from your email address (also called a hash) may be provided to the Gravatar service to see if you are using it. The Gravatar service privacy policy is available here: https://automattic.com/privacy/. After approval of your comment, your profile picture is visible to the public in the context of your comment.

Media

Suggested text: If you upload images to the website, you should avoid uploading images with embedded location data (EXIF GPS) included. Visitors to the website can download and extract any location data from images on the website.

Cookies

Suggested text: If you leave a comment on our site you may opt-in to saving your name, email address and website in cookies. These are for your convenience so that you do not have to fill in your details again when you leave another comment. These cookies will last for one year.

If you visit our login page, we will set a temporary cookie to determine if your browser accepts cookies. This cookie contains no personal data and is discarded when you close your browser.

When you log in, we will also set up several cookies to save your login information and your screen display choices. Login cookies last for two days, and screen options cookies last for a year. If you select "Remember Me", your login will persist for two weeks. If you log out of your account, the login cookies will be removed.

If you edit or publish an article, an additional cookie will be saved in your browser. This cookie includes no personal data and simply indicates the post ID of the article you just edited. It expires after 1 day.

Embedded content from other websites

Suggested text: Articles on this site may include embedded content (e.g. videos, images, articles, etc.). Embedded content from other websites behaves in the exact same way as if the visitor has visited the other website.

These websites may collect data about you, use cookies, embed additional third-party tracking, and monitor your interaction with that embedded content, including tracking your interaction with the embedded content if you have an account and are logged in to that website.

Who we share your data with

Suggested text: If you request a password reset, your IP address will be included in the reset email.

How long we retain your data

Suggested text: If you leave a comment, the comment and its metadata are retained indefinitely. This is so we can recognize and approve any follow-up comments automatically instead of holding them in a moderation queue.

For users that register on our website (if any), we also store the personal information they provide in their user profile. All users can see, edit, or delete their personal information at any time (except they cannot change their username). Website administrators can also see and edit that information.

What rights you have over your data

Suggested text: If you have an account on this site, or have left comments, you can request to receive an exported file of the personal data we hold about you, including any data you have provided to us. You can also request that we erase any personal data we hold about you. This does not include any data we are obliged to keep for administrative, legal, or security purposes.

Where we send your data

Suggested text: Visitor comments may be checked through an automated spam detection service.

Save settings
Cookies settings